Maometto: sapevi che lui nel Cantico dei Cantici…?

Bibbia Maometto

Premessa

Sapevate che per autenticare il presunto ufficio profetico di Maometto, potreste imbattervi nella formulazione tutta islamica, secondo la quale Maometto è pre-annunciato nel libro di Cantico dei Cantici 5:16”??

Ci vuole una buona dose di fantasia sfrenata, come vedremo, ma utilizzando l’inganno come metodo strumentale (takja) e mistificando questi ed altri passaggi biblici potrebbero davvero  convalidare la venuta di Maometto… Anche le versioni islamiche di personaggi quali Mosè e Gesù hanno sdoganato la venuta di Maometto. Fantasia, però da non prendere sottogamba anche se vi fa sorridere. Diamo una breve occhiata ora.


La Bibbia islamicamente manipolata

Per convalidare  Maometto “v e r o  p r o f e t a”  all’interno della Bibbia, manipolando la Bibbia, essi inducono i normali cristiani nominali (pertanto i più disinformati sulla Bibbia)  ad entrare nell’ottica che  Maometto in effetti potrebbe essere un vero profeta. Questi inventori pensano e penano inutilmente! Tuttavia alcuni semplicioni sono cascati in questa rete. Per giungere a ciò utilizzano Cantico dei Cantici 5:16 (ps: peraltro è un libro poetico, non profetico) per sostenere la loro pietosa menzogna, come prove profetiche indiscutibili che lo legittimano agli occhi sia di ebrei che dei cristiani come il profeta di Dio, da accettare senza ombra di dubbio.


Raggirare per afferrare i semplici

 «Il suo palato è tutto dolcezza, tutta la sua persona «è un incanto». Tal è l’amico mio, o figlie di Gerusalemme».  טז חִכּוֹ, מַמְתַקִּים, וְכֻלּוֹ, מַחֲמַדִּים; זֶה דוֹדִי וְזֶה רֵעִי, בְּנוֹת יְרוּשָׁלִָם.

Qui i detrattori islamici spiegano che il termine “incanto” in ebraico si pronuncia molto verosimilmente  come in arabo per  dire Muhammad (tr. il lodato).

Alcuni anni fa, maghi informatici musulmani per perfezionare la menzogna, hanno creato un sito arabo-ebraico mirato ad accreditare Maometto ed ingannare i più semplici. A questo punto vi spingono sul sito ingannevole, creato ad arte,  http://www.mechon-mamre.org/p/pt/pt3005 .htm dove in effetti,  la parola in ebraico מַחֲמַדִּ al versetto 16 (tr.è un incanto o qualcosa di caro), in ebraico  si pronuncia “machamadim”, (quindi pontificano si riferisca a Mohammed).

Se vorrete constatarlo personalmente (anche per essere pronti a come rispondere) andate al versetto 16 sul loro sito ingannevole: http://www.mechon-mamre.org/p/pt/pt3005.htm, in basso noterete il termine מַחֲמַ,דִּ  quindi cliccate in alto “listening in Hebrew”, per ascoltare la pronuncia in ebraico. Col suono della pronuncia per מַחֲמַ,דִּ, siamo ancora lontani dalla pronuncia in arabo per Muhammad.


Gatta ci cova…

Praticamente il sito non è registrato su “who is”! Significa che è ufficialmente inesistente. Quando proverete ad usare www.whois.net, incollate www.mechon-mamre.org si viene a conoscenza che il sito non è registrato…e ci vuole abilità per bypassarlo !!

Qualsiasi dominio di traduzioni online traducono in ebraico  מַחֲמַדִּ, ‘un incanto (si legge machamadim) con ’desiderabile’ oppure con ‘mascotte‘. Ma mai  con ‘Mohamed’.  Provate!!!

Quando la zappa cade sui piedi… Musulmani tentano varie speculazioni nel vigliacco tentativo di far legittimare dalla Bibbia quel che essa non dice. Certamente, tentativi disperati come questi, ci dimostrano almeno:

  1. La disperazione dei musulmani di dover a tutti i costi far legittimare Maometto, del quale la Bibbia, però, afferma deve essere messo a morte qualunque profeta che annunciasse un dio straniero (Deuterenomo 13:16).
  2. Il trucco inutilmente utilizzato, non solo non combacia, ma produce, come vedremo, un imbarazzante effetto  boomerang sui musulmani che lo utilizzano. Come risultato ne esce un caricatura di Maometto.
  3. [a] Innanzitutto al verso 1 del medesimo capitolo 5, la persona descritta nella terza persona singolare – machmadin- dichiara di BERE VINO (alcoolici). Però i musulmani ci ricordano che, secondo i dettami dell’islam, è vietato bere alcoolici (5:90-92). E questo, come sanno tutti, è inverosimile! Ma per i musulmani può trattarsi ancora di Maometto?
  4. [b] La stessa parola in ebraico, incrociandola con il libro di 1° Re 20:6, si legge di quando Ben-Adad, re di Siria, avvisa il re di Israele: “invece, domani, a quest’ora, manderò da te i miei servi, i quali rovisteranno la casa tua e le case dei tuoi servi, e metteran le mani su tutto quello che hai di più caro, e lo porteranno via”. Per coerenza, sempre utilizzando la loro traduzione, si dovrebbe leggere: ” invece, domani, a quest’ora, manderò da te i miei servi, i quali rovisteranno la casa tua e le case dei tuoi servi, e metteran le mani su Muhammad è lo porteranno via”. 🙂
  5. [e] In ultimo ma non meno importante, il nome! Nella tradizione islamica ci viene ricordato che il nome – Maometto- era solo un appellativo datogli dai suoi amici nella sua gioventù, che descriveva la sua persona. Però il suo vero nome come si legge nella traduzione islamica era Abū l-Qāsim (Hadith Abu-Dawood 4948).  In ogni caso non può trattarsi di Maometto.

Conclusione

Dopo i punti 1,2,3,4 fate le vostre conclusioni.Giocare con le Parole della Sacra Bibbia come fanno alcuni, ci si sfracella da soli!! Mentre nutriamo compassione per loro, rivolgiamoci in preghiera per evangelizzare coloro che il Signore ha preparato i cuori affinché si convertono dalle tenebre alla luce, dalla non speranza alla reale Speranza.


Francesco Maggio

Condividi:

Commenta