Dall’-Arabia-un-nuovo-Corano-evviva!

12 Settembre 2020

  2.500 errori nel Corano

“Il Corano preservato da ogni alterazione dal tempo di Maometto?”

 Veramente un solo manoscritto uguale in tutto il mondo?  

5 settembre 2020

Due articoli insoliti pubblicati quest’anno sui siti web sauditi, chiamati a correggere gli errori di scrittura nel Corano, e anche a riesaminare i testi religiosi alla luce delle percezioni moderne, in modo da renderli più leggibili e adattarli all’età presente. Gli articoli sono eccezionali poiché i musulmani considerano il testo coranico divino e quindi perfetto. Di conseguenza, chiari esempi di errori di scrittura nel testo non sono mai stati modificati.
Un articolo pubblicato il 10 gennaio 2020 dal giornalista saudita Ahmad Hashem sul sito web “Saudi Opinions” ha sottolineato che il Corano come è noto oggi è stato scritto dopo la vita del Profeta, nel periodo del terzo califfo ‘Uthman bin’ Affan (644-656) usando lo script ‘utmanico, che prende il suo nome. Poiché questo sistema di scrittura è un’invenzione umana, sostiene Hashem, non c’è motivo di santificarlo, come fanno molti musulmani. In effetti, dice, è tempo di correggere circa 2.500 errori di ortografia e grammatica che furono fatti dagli scribi in quel periodo e che rimangono parte del testo coranico fino ad oggi. Ahmad Hashem presenta numerosi esempi di tali errori di ortografia e chiede di riscrivere le parole nella loro forma standard odierna, in modo da “rendere il testo più leggibile per i musulmani [odierni] e più linguisticamente corretto”.
Un secondo articolo è stato pubblicato il 20 luglio 2020 sul sito web liberale saudita Elaph da Jarjis Gulizada, scrittore e analista politico di origine curdo-irachena e direttore della rivista irachena “Baghdad”. Egli osserva che, durante la pandemia di coronavirus, per la prima volta nella storia islamica, sono state apportate modifiche alla forma di culto islamico, quando ai musulmani è stato permesso di mantenere la distanza fisica gli uni dagli altri durante la preghiera, invece di pregare in file strette, come il Corano istruisce. Questo, dice, mostra che c’è spazio per la flessibilità nell’Islam e che la stessa flessibilità può essere applicata ai testi islamici, che dovrebbero essere riesaminati e adattati alle percezioni moderne, in modo da avvantaggiare i musulmani e l’umanità in generale.
Menzionando l’articolo di Ahmad Hashem, anche lui (Jarjis Gulizada) sostiene che è irrazionale trattare il testo Uthmani del Corano come sacra, e presenta ulteriori esempi di errori che compaiono nel Corano, oltre a quelli presentati da Hashem. Chiede di pubblicare una versione modificata del Corano usando l’ortografia moderna, perché, nella sua forma attuale, “non è adatto per la nazione islamica nel mondo moderno, e specialmente per i musulmani non arabi”, e afferma che questo compito dovrebbe essere intrapreso dall’Arabia Saudita, in particolare dal suo re e principe ereditario.
Va notato che l’articolo di Gulizada è stato rimosso dal sito web di Elaph a seguito di furiose reazioni sui social media, da parte degli utenti che accusavano i sauditi, e in particolare l’editore capo di Elaph ‘Othman Al-‘Omeir, di insolenza e di insulto al Corano.  Ad esempio, l’accademico kuwaitiano Dr. Ahmad Al-Dhaidi ha twittato: “Il sito web di Elaph, diretto dal giornalista saudita ‘Othman Al-‘Omeir, chiede di riscrivere il Corano al fine di correggere i grandi errori della sceneggiatura’ Uthmani! Ha forse il loro disprezzo raggiunto il punto, tale da danneggiare il libro di Allah?… ” L’account Twitter” Towards Freedom “, noto per aver criticato il regime saudita, ha dichiarato:” Il giornale Elaph [online], gestito da [‘Othman Al-‘Omeir], un caro amico del re Salman e consigliere del [principe ereditario Muhammad] bin Salman, chiede di riscrivere il Corano e riesaminare i principi della shari’a islamica! L’unica cosa rimasta è restituire gli idoli alla Kaaba “. 
Quanto segue sono estratti tradotti dagli articoli di Ahmad Hashem e Jarjis Gulizada.

Giornalista saudita: il testo coranico come lo conosciamo contiene circa 2.500 errori di ortografia e grammatica

Nel suo articolo del 10 gennaio 2020, intitolato “Revisionando il Corano”, il giornalista saudita Ahmad Hashem ha scritto: “Il Corano come lo conosciamo è stato scritto durante il periodo del [terzo] califfo, ‘Uthman bin’ Affan, usando il testo Uthmani, che prende il suo nome. La maggior parte dei musulmani crede che questa versione [del Corano], che fu scritta nel 37 ° anno dopo l’Egira, quando fu completata la compilazione del Corano, e che sia stata tramandata di generazione in generazione fino ad oggi, è sacro e non deve essere modificato.
Tuttavia, [il Corano] nella sua forma attuale contiene errori di ortografia, sintassi e grammatica; si stima che ci siano circa 2.500 errori di questo tipo. Sono stati fatti dal comitato incaricato di compilare il Corano e includono l’aggiunta o l’omissione di lettere in alcune parole o la sostituzione di una lettera con un’altra. Ad esempio, nella Sura 68, versetto 6, appare [la parola] بِأَيِّيكُمُ [“quale di voi”], invece di بأيكم. In altre parole, è stato aggiunto un ي extra. Nella Sura 25, verso 4, [la parola] جَآءُو [“hanno commesso”] appare, invece di جَاءُوا o جاؤوا. In altre parole, manca l’alif nel suffisso maschile plurale وا. Nella Surah 28, verso 9, il la parola امرأت [“moglie”] appare al posto di امرأة. In 54 casi, il nome إبراهيم [Ibrahim] appare … come إبراهم, omettendo la lettera ي, e la parola سماوات [“cieli”] è scritta in questo modo solo una volta, mentre in 189 altri casi appare [erroneamente] come سموت, senza la lettera ا … La parola قرآن [“Corano”] appare 68 volte senza la lettera ا… La parola سنة [“anno”] appare otto volte con la lettera ة [alla fine] e cinque volte con la lettera ت.
Il testo Uthmani, in cui è scritto il Corano, è stato formato da diversi Compagni del Profeta e da diversi membri della generazione successiva, e meritano il merito per lo sforzo che hanno fatto, in base alle loro capacità in quel momento. [Tuttavia,] l’eredità che ci hanno lasciato può essere sviluppata e modificata se esiste un’alternativa migliore e più conveniente, come è stato fatto [negli anni successivi] quando sono stati aggiunti segni diacritici e punteggiatura [al testo coranico]. È giunto il momento di modificare gli errori di ortografia e altri errori in esso contenuti e adattarli alle regole della lingua e della grammatica araba – poiché il testo coranico è aperto a qualsiasi emendamento che renderà il libro di Allah più facile da leggere per i musulmani e linguisticamente di più corretta.

Ricercatore curdo-iracheno: il Corano dovrebbe essere modificato; i testi islamici dovrebbero essere riesaminati, adattati all’età moderna

Jarjis Gulizada, scrittore e analista politico di origine curdo-irachena, ha scritto in un articolo del 20 luglio 2020 intitolato “A Call for Rewriting the Quran”: uno dei cambiamenti più importanti fatti durante il coronavirus [pandemia] per quanto riguarda la religione islamica è quello di impedire alle persone di pregare in file strette, come stabilito dalla sharia islamica. Al fine di proteggere la vita delle persone, ai fedeli era permesso mantenere le distanze l’uno dall’altro, sebbene ciò fosse in contrasto con i testi [islamici]. Inoltre, le preghiere pubbliche e le preghiere del venerdì e delle vacanze [alla moschea] sono state vietate per proteggere i fedeli e impedire loro di infettarsi a vicenda con il virus. Questa è una chiara violazione dei testi religiosi, ma è stata consentita dopo uno studio approfondito, per salvare vite umane.
Il punto importante è che c’era spazio per la flessibilità, e [quindi] una sentenza religiosa indulgente è stata emessa e imposta alla nostra attuale realtà islamica. Per la prima volta nella storia [islamica] dai tempi dei califfi giusti [i primi quattro califfi che hanno governato dopo il Profeta], questa flessibilità ha permesso di apportare modifiche essenziali al modo di adorare … con l’unico scopo di salvare vite. [La sentenza è stata emanata] basata sulla regola d’oro coranica che “Allah non carica un’anima tranne [con ciò entro] la sua capacità “[Corano 2: 286], che costituisce la base logica e razionale per i cambiamenti che sono stati fatti. Anche se [tali cambiamenti] sono rari e sono stati fatti solo [ora], nella nostra realtà moderna, essi costituiscono un primo segno, molto incoraggiante, che è in corso un riesame dei testi islamici e dei rituali islamici. [Ciò è stato fatto] basato su percezioni e obiettivi moderni a beneficio dei musulmani nel nostro mondo moderno e a beneficio [di tutti] l’umanità e l’umanità che tutte le religioni si sforzano di raggiungere.
Si afferma che: “Dato che la pandemia di coronavirus ha provocato tali cambiamenti a livello globale, regionale e locale, nel dominio della religione e della fede e soprattutto nel dominio del rituale islamico, invito tutte le autorità religiose islamiche a riesaminare la dottrina giuridica islamica [ ] nello spirito di questa flessibilità … basata su una percezione moderna che serve tutti i musulmani e avvantaggia tutta l’umanità”.
La prima questione che esorto [loro] a intraprendere è un riesame del testo coranico, [vale a dire] il testo Uthmani, che non è adatta per la nazione islamica nel mondo moderno, e specialmente per i musulmani non arabi, a causa del difficoltà di pronunciare parole con errori di ortografia … Sebbene  (Islamecom: il testo Uthmani è stato rimpiazzato nel tardo VIII secolo) i sunniti considerino sacro il testo Uthmani del Corano, l’evidenza [che presentano] per questo è irrazionale, perché non esiste una base razionale per attribuire la santità a qualcosa di fatto dall’uomo come una scrittura.  Inoltre, il compito di compilare i versetti del Corano e di scriverli [ciascuno di] non fu intrapreso al tempo del Profeta, ma piuttosto anni dopo la sua morte … nel periodo di [il primo califfo] Abu Bakr [governò 632- 634]. Il [canone] coranico fu scritto nel periodo [del terzo califfo] ‘Uthman bin’ Affan [governò 644-656] … e [più tardi] copiato e distribuito in tutte le [regioni] islamiche. Il testo ‘Uthmani contiene molte incongruenze ed errori [che coinvolgono] la pronuncia e l’ortografia errata delle parole nei versi, [eppure] è rimasto invariato fino ad oggi … nonostante i notevoli miglioramenti che sono stati fatti alla scrittura, lettura e pronuncia dell’arabo oltre i 1.400 anni che sono passati da allora.
Dr. Yassir Qadhi

Giugno 2020 – su YouTube (poi rimosso) ha dichiarato che il percorso storico della edizione del Corano contiene HOLES…buchi!!

CORANO DA ROTTAMARE: Gli errori del testo Uthmani [sono stati discussi] in un articolo intitolato “Revisionando il Corano” dello scrittore saudita Ahmed Hashem … che ha dimostrato, sulla base del testo coranico, che gli scribi del Profeta hanno commesso errori quando hanno scritto i versetti del Corano … Ulteriori esempi di discrepanze tra il testo  Uthmani e il testo standard [moderna], che implicano l’omissione di lettere, sono le seguenti: omissione della lettera ا, per esempio nello scrivere الكتب [“il libro”] invece di الكتاب …, [ e] omissione della lettera ن, [come in] نجي [“salveremo”] invece di ننجي … Il più grande errore commesso nel testo Uthmani di 1441 anni fa fu quello di scrivere la parola Becca invece di Mecca nella Sura 3, versetto 86, [che dice]: “In effetti, la prima casa [di culto] istituita per l’umanità era quella di Becca: benedetta e guida per i mondi”. Un altro errore è stato commesso nel versetto 55 della Sura 22, che contiene la frase يrum عقيم [“giorno inutile”] invece di يrum عظيم [“gran giorno”] … a causa di un errore di scrittura in cui la lettera ق è stata sostituita alla lettera ظ. Per circa 1.500 anni nessuna autorità credibile osò chiedere di correggere “Becca” in “Mecca” [nel Corano 3:86]. CENTINAIA di volte il nome di  Abramo risulta in arabo senza la ي. GRAVISSIMO!!
Per tutte queste ragioni, e al fine di presentare la forma corretta del testo, priva di errori e oscurità, spetta a noi – per ragioni scientifiche, razionali, religiose e linguistiche – riesaminare il testo Uthmani del Corano e riscriverlo in modo corretto, in modo da correggere tutti gli errori linguistici che compaiono nel Corano e rimuovere da esso tutte le tracce di errore.
Questo compito dovrebbe ovviamente essere intrapreso dall’Arabia Saudita, dal suo re e dal suo principe ereditario, soprattutto perché entrambi sostengono piani e progetti di modernizzazione del Paese sotto ogni aspetto: economico, sociale, culturale, religioso e dal punto di vista turistico. Penso quindi che le circostanze siano mature per accettare l’idea di ristampare il Corano in caratteri moderni, senza errori e oscurità causati dall’ortografia delle parole più di 1.400 anni fa.
Inoltre, il Kurdistan iracheno potrebbe sostenere [la pubblicazione] di un’edizione speciale del Corano per i musulmani non arabi, che impedirà loro di pronunciare male [il testo] a causa della mancanza di familiarità con la complessità della lingua araba. Forse il presidente [del Kurdistan iracheno] sosterrà questo progetto alla luce della sua importanza spirituale, ideologica e religiosa per il mondo islamico. Un libro del genere è stato [in effetti] preparato dal tuo umile servitore, ed è disponibile [per la pubblicazione], se [il presidente] fosse disposto ad approvarlo e stamparlo …
Infine, sottolineo ancora una volta che è giunto il momento di esaminare i testi islamici, cristiani ed ebraici da una prospettiva razionale e logica. È tempo che la mente umana diventi il giudice supremo e, liberandosi dal misticismo e dall’irrazionalità, corregga gli errori testuali e ideologici che esistono nei testi religiosi a causa dell’errore umano e dello stato non evoluto della scrittura [dei sistemi] di mille o duemila anni fa.
La pandemia di coronavirus ha spalancato le porte a nuovi cambiamenti in ogni ambito, soprattutto nel rito religioso, che in passato erano impossibile. È tempo che l’Islam si unisca al mondo moderno, e la migliore prova razionale di questo, fornita dalla religione [stessa], è la Sura 2, verso 44, che dice: “Mentre leggi il Corano, non ragionerai?”
“Allah conosce i segreti del cuore dell’uomo”.

Avvicinare i musulmani -2-

  NO AL DIALOGO RINUNCIATARIO, SÌ AL CONFRONTO SENZA OSTILITÀ La questione sta diventando sempre più importante. La presenza di religiosità sempre più diverse pone il problema in termini sempre più urgenti. Nel medesimo tempo in cui si fa strada la necessità del...

Ramadan…questa farsa

Amico musulmano Osservi il digiuno? Vedi qualche bisogno di praticare il digiuno? Se i comandamenti di Allah sono importanti per te, allora sicuramente è anche importante per te praticare il digiuno. Dal punto di vista biblico, spesso uomini e donne che si astengono...

UN CORANO SOLTANTO O DUE?

Inalterabilità discutibile I musulmani sono soliti affermare che “non c’è libro al mondo che può superare per eccellenza il Corano”; la cosa più strabiliane consiste nel fatto che questo libro rivelato – essi affermano - da un angelo, sarebbe rimasto inalterato nel...

30 giorni intercessione

30 giorni intercessione

30 giorni di preghiera Introduzione Per il terzo anno consecutivo, in questo periodo così particolare per la nostra nazione e il mondo intero, vogliamo dare il nostro contributo al corpo di Cristo, offrendo questa semplice guida di preghiera per il mondo islamico. La...

Islam: rispondere se Gesù non é figlio di Dio

Islam: rispondere se Gesù non é figlio di Dio

Obiezione islamica: Gesù non é il figlio di Dio! Troppo spesso i  credenti esitano dal parlare della loro fede con i musulmani perché, se da un lato non hanno una minima preparazione al riguardo, giustamente temono l'irruenza delle loro risposte. Islamecom è proprio...

Teologia politica e il Common Word

Teologia politica e il Common Word

Video tematico - Relatore: John Piper INSULTO AL VANGELO DEL SIGNORE   Francesco Maggio: Partendo dall’antefatto storico del 2007, premi qui:  Un fronte unito ! Occorre essere vigilanti e fermi in un...

Testimonianza: la retta Via… Cristo

Testimonianza: la retta Via… Cristo

LA RETTA VIA Sono iracheno, nato da genitori musulmani, discendente del quarto califfo (cioè, “regnante”) fedele di Maometto. Fin dalla tenera età vissi come un musulmano fedele e seguivo assiduamente...

Quanti Corani originali?…che pasticcio!!

Quanti Corani originali?…che pasticcio!!

Premesse Noi cristiani non ci siamo mai soffermati su alcuni difetti di forma della Bibbia, ma sulla sua sostanza spirituale e dottrinale, anche perché consapevoli del grande lavoro di copia di ognuno dei 66 libri fatto a mano dagli scribi ebrei e da altri amanuensi...

Qual’ è il manoscritto originale?

Qual’ è il manoscritto originale?

Quanti canoni del corano esistono? 30 o 31? Nota: Almeno 31 canoni diversi del Corano in circolazione nel mondo... ..specchio delle mie brame..quale è davvero ‘originale’ ? Esistono in commercio su...

Share This